Home / Se te lo fossi perso / Politica / Noto, Ada Merlato è la coordinatrice cittadina di “Un passo avanti”
Costanza Castello e Ada Merlato

Noto, Ada Merlato è la coordinatrice cittadina di “Un passo avanti”

Ada Merlato, professionista impegnata attivamente nel campo dei servizi alle imprese e candidata alle scorse elezioni amministrative di Noto nell’ambito della coalizione Noto Bene Comune, dove ha riportato 160 preferenze individuali, è la nuova coordinatrice cittadina del movimento politico Un Passo Avanti.

La decisione arriva a conclusione dell’incontro che ha avuto luogo ieri nella città barocca, con Costanza Castello e Francesco Coppa, rispettivamente coordinatrice e presidente regionali del sodalizio.
“Un Passo Avanti – afferma Ada Merlato – rappresenta un’opportunità attraverso cui rafforzare l’impegno civile della comunità umana che nel corso di questo anno si è riconosciuta nelle tematiche che riteniamo importanti per la crescita di Noto: le iniziative pubbliche a sostegno dello sviluppo delle imprese, la capacità amministrativa di pianificare aree commerciali che migliorino l’economia del territorio, la nascita di manifestazioni che permettano una reale destagionalizzazione del flusso turistico. Il nostro impegno continuerà all’interno della grande coalizione popolare di Noto Bene Comune con cui sono già stata candidata e nella quale ci riconosciamo, ma con l’ambizione di offrire alla coalizione già alle prossime elezioni amministrative una lista di candidati a supporto del nostro progetto per la città, che vive oggettivamente un momento di difficoltà”.

“Sono entusiasta del fatto che la scelta di essere rappresentati a Noto – dichiara Costanza Castello – sia ricaduta su una donna competente e impegnata sul lavoro come Ada Merlato, che ci permetterà di rappresentare al meglio il cambio di passo nella concezione delle politiche pubbliche negli enti locali che noi vogliamo interpretare, traghettando all’interno delle amministrazioni risorse umane che possano realmente consentire di coltivare il benessere delle comunità che amministrano, perché hanno i requisiti per farlo”.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*