Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Noto, al teatro la serata della legalità

Noto, al teatro la serata della legalità

Promossa dalla Camera di Commercio di Siracusa con il Patrocinio del Comune di Noto, si è svolta la “Serata della legalità” al Teatro “Tina Di Lorenzo”, che ha visto la presenza di numerose autorità civili, dei vertici delle locali forze dell’ordine. Presentata da Pia Parlato, l’iniziativa ha voluto porre attenzione e riflessione sulla lotta contro il pizzo. Anzi è stata pure annunciata la futura costituzione in Città di un comitato locale dell’Associazione Antiracket. Sul palco innanzitutto i saluti del Sindaco Corrado Bonfanti: “Noto prende un impegno perchè la legalità porta sviluppo e crescita nel territorio. Stiamo riconsegnando alla Città due beni confiscati alla mafia, ristrutturati e prossimamente destinati ad attività del sociale: il centro Pio la Torre e Isola blu. E ancora il sistema di videosorveglianza che serve alla prevenzione ed al controllo del centro storico per la tutela del patrimonio e non solo”. Tanti i relatori chiamati ad illustrare nel corso della serata, conclusasi poi con un momento artistico, ma sempre legato al tema, la situazione siciliana in generale ed in Provincia, in particolare. Il Prefetto di Siracusa Armando Gradone ha puntato, anche lui, sul fondamentale ruolo della legalità per il corretto sviluppo della società: “In questo momento di crisi, ma se non avessimo la malavita organizzata, corruzione e l’evasione fiscale, non sarebbero necessari tagli, e non saremmo in coda ai Paesi Europei. Questi sono tre aspetti cruciali e quindi dobbiamo puntare sul miglioramento della Pubblica Amministrazione”. Al suo intervento è seguito quello di Ivanhoe Lo Bello, Presidente della Camera di Commercio, che ha portato il dato sconfortante legato alla dispersione scolastica ritenendo fondamentale l’intervento poderoso sulle zone degradate della città. Paolo Caligiore, Responsabile PON Legalità: “Oggi abbiamo 2070 commercianti e quasi 12 mila persone che hanno preso l’impegno di acquistare prodotti nei negozi che rifiutano di pagare il pizzo e che sono riconoscibili dall’adesivo esposto. Il consumo critico è una cosa importante, più siamo e più forte sarà il contrasto alla criminalità organizzata”. 
Giuseppe Scandurra, Presidente nazionale F.A.I. : “La prossima volta voglio venire a Noto in occasione della presentazione del locale comitato dell’Associazione Antiracket; perchè dobbiamo essere sempre di più. In questi ventiquattro anni abbiamo lavorato moltissimo, con alti e bassi, ma sempre convinti della forza e dell’efficacia della nostra azione”. E per concludere la serie di interventi Santi Giuffrè, Commissario Straordinario per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura, che oltre ad evidenziare, ancora una volta il grande lavoro ed importanza delle associazioni, ha spronato a non accontentarsi, mai. Infine, come detto, un momento dedicato al ricordo, grazie all’attore Sebastiano Lo Monaco, accompagnato alla chitarra da Gioacchino Papa, che ha recitato testi di Tano Grasso: “Liberi come Libero”. Al termine della performance l’attore si è rivolto alle autorità presenti: “Noi crediamo nello Stato, ma è necessario che tutte le posizioni di responsabilita nelle Istituzioni siano occupate da gente perbene che abbia una forte etica pubblica e che siano credibili”. Un pensiero trasposto in richiesta, che tutta la platea ha condiviso con un forte applauso.
E.V.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*