Home / Primo Piano / Nuovo test positivo per il Città di Siracusa contro il Gela
Il calcio d'inizio di Siracusa-Gela.

Nuovo test positivo per il Città di Siracusa contro il Gela

Città di Siracusa- Gela 4-1

Reti : 9’ Alma, 46’ Crocetti, 47’ Catania, 55’ Mascara, 76’ Monterosso

 

Città di Siracusa: Gulisano, Milizia, Santamaria, Spinelli, Chiavaro, Vindigni, Palermo, Giordano, Crocetti, Mascara, Catania.

Gela: Pandolfo, Campanaro, Runza, Pira, Cosentino, Spanalatte, Satorini, Bonaffini, Alma, Miccica, Floridia.

Poker di reti e buone indicazioni per Lorenzo Alacqua nell’amichevole che si è disputata nel pomeriggio al De Simone. Al cospetto di un buon Gela gli azzurri si sono imposti con il punteggio di 4-1. A segno Crocetti, Catania, Mascara e Monterosso.

E dire che a passare in vantaggio erano stati proprio i gelesi al 9’ grazie ad un rigore realizzato da Alma per atterramento di Milizia ai danni di Floridia.

Il Città di Siracusa accusa il colpo, e malgrado la costante pressione pochi i pericoli per Pandolfo. Al 36’ ci prova Chiavaro dalla distanza, ma l’estremo difensore ospite pare in due tempi. Il pari arriva nel recupero grazie a Crocetti che, con pallonetto, supera il portiere avversario.

Nella ripresa, dentro il giovane Evola al posto di Gulisano, Contino e Napoli e dopo appena due minuti è Catania di testa a portare in vantaggio gli azzurri. Sei minuti più tardi Contino dribbla anche Pandolfo, ma la sua conclusione finisce sul palo. Al 55’ bel duetto Catania – Mascara e il capitano non ha difficoltà a mettere dentro il 3-1. Girandola di sostituzioni e al 76’ c’è gloria anche per il giovane Monterosso che sigla il definitivo 4-1.

“Buon test contro una squadra che sarà protagonista in Eccellenza – spiega Agatino Chiavaro a fine gara – era importante migliorare condizione fisica e schemi. Bisogna solo lavorare, e dimostrare sul campo che siamo una buona squadra. Per esperienza dico che è inutile in questa fase fare proclami. Dobbiamo ancora crescere e i veterani del gruppo devono fungere da esempio per i più giovani. Il ruolo dei juniores in un campionato difficile come la serie D è fondamentale”.

A fine gara la squadra ha festeggiato il 33esimo compleanno di Fernando Horacio Spinelli.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*