Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Occorre fermare l’attacco all’Ordine dei giornalistiSiracusaLive | SRlive.it
Home / L'Opinione / Occorre fermare l’attacco all’Ordine dei giornalisti

Occorre fermare l’attacco all’Ordine dei giornalisti

La politica tenta di forzare la mano. La riforma dell’Ordine dei giornalisti è necessaria, ma non bisogna servirsene per tentare di limitare la libertà di stampa e giornalistica, dell’espressione libera e democratica. Renzi ha dichiarato candidamente che per lui l’Ordine può essere abolito anche subito; parla, ovviamente, dalla sua posizione di uomo “politico”, dal suo mestiere di “politicante”. Vuole evitare che le “marachelle” finiscano in pasto alla pubblica opinione, al popolo sovrano. La riforma dell’Ordine è un grandissimo passo avanti, se è posta come strumento innovativo per la risoluzione delle criticità che il settore registra, dopo l’avvento della rivoluzione mediatica nella sua generalità, e non come scusa per tappare la bocca ai giornalisti. Sarebbe utile sviluppare tante altre condizioni che mancano nella nuova realtà che circonda la comunicazione oggi in generale; ma visti i lustri di luna, tutti siamo consapevoli quali siano al momento le condizioni date e le difficoltà a fare marciare in Parlamento la nuova disciplina che deve essere rivoluzionaria in positivo e non punitiva a priori.

Si registra la necessità nell’informazione in generale di riformare il sistema, specie nel comparto dell’editoria dove si cataloga la maggiore resistenza contro l’Ordine dei giornalisti; è la vecchia regola dei padroni contro le maestranze. Rimane la necessità per il diritto di cronaca e dell’organizzazione nella totalità delle regole per una comunicazione al passo con i tempi. È vero. Le regole della legge dell’Ordine sono superate, diventa quindi importante rinforzare la riforma nel momento della sua configurazione generale, con una diminuzione del carico e con un perfezionamento della professione per mezzo di un autorevole Ordine, e non, invece, sminuendone le funzioni e la rappresentanza nei numeri e nell’agire, colpendone l’autonomia e mettendo in pratica tutti i condizionamenti deviati del potere politico. Occorre mobilitarsi per non far morire l’Ordine dei giornalisti, insieme alla libertà di pensiero, di critica e di stampa, senza le quali in poco tempo si perde anche la libertà personale e dell’intero popolo. Si vuole cancellare l’articoli 21della Costituzione senza l’intervento della necessaria legge costituzionale.

Concetto Alota

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube