Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Riesame delle Aia per Isab Priolo, riunione aggiornata a febbraioSiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Ambiente / Riesame delle Aia per Isab Priolo, riunione aggiornata a febbraio

Riesame delle Aia per Isab Priolo, riunione aggiornata a febbraio

Il Comune di Siracusa, per la prima volta con diritto di voto, ha partecipato oggi a Roma, alla Conferenza di Servizi per il riesame delle AIA, le “Autorizzazioni ambientali integrate” per l’esercizio dell’impianto della ISAB s.r.l.. A rappresentare l’Ente, nella riunione tenutasi presso il Ministero dell’Ambiente, l’assessore Pietro Coppa, accompagnato dall’esperto del Sindaco per la qualità dell’aria, Giuseppe Raimondo. All’incontro, oltre l’azienda, presenti i rappresentanti ministeriali, della Regione, dell’Arpa e del Comune di Melilli.

“Torneremo ad incontrarci a metà febbraio – dichiara l’assessore Coppa – perché la Commissione istruttoria ha chiesto un termine per esaminare le osservazioni presentate per iscritto dall’impresa in seno alla conferenza dei servizi. Il tema principale della conferenza dei servizi è stata la richiesta di tutte le amministrazioni di inserire nelle prescrizioni AIA un sistema di misurazione in continuo ai camini cui afferiscono gli impianti di recupero zolfo per consentire di monitorare e rilevare le immissioni di H2S.”

“Il diritto riconosciuto al Comune di Siracusa di partecipare a pieno titolo al procedimento di riesame ci ha consentito di portare all’attenzione del Ministero e della Commissione Istruttoria alcuni elementi che riteniamo essenziali per un corretto svolgimento del procedimento di riesame dell’AIA, invero la revisione del sistema di bolla unica per i differenti impianti di Isab – impianti Nord e Sud, la revisione nel calcolo di bolla del contributo del turbogas (E22 impianto 2000A) ed infine la questione delle concentrazioni significative di Benzene e NMHC che indicano la necessità di intervenire per eliminare definitivamente le molestie olfattive.”

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*