Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Siracusa, gestione dei siti culturali: pubblicato il bandoSiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Siracusa, gestione dei siti culturali: pubblicato il bando

Siracusa, gestione dei siti culturali: pubblicato il bando

Pubblicato il bando di gara per il servizio di gestione e la fruizione dei alcuni dei più importanti siti culturali del Comune. E’ disponibile sul sito dell’Ente, con tutte le informazioni relative al capitolato: esso prevede l’affidamento del servizio per tre anni con un importo complessivo di 200mila euro tra entrate da attività di book shop e sbigliettamento.

I siti interessati sono l’Artemision, il Teatro comunale, le Latomie dei Cappuccini ed il Giardino storico di Villa Reimann. Il servizio riguarderà alcune prestazioni specifiche, dall’apertura e chiusura dei siti, che potrà essere prolungata, alla loro sorveglianza, custodia e pulizia; dal servizio di biglietteria che funzionerà anche con la prenotazione alle informazioni turistiche; dalle visite all’assistenza per percorsi anche personalizzati; dalla stampa alla distribuizione del materiale informativo.

La scadenza del bando è per le 12 di mercoledì 25 febbraio. “Con un unico biglietto sarà possibile fruire di una serie di servizi anche personalizzati: questo da un lato semplificherà e migliorerà l’offerta, come d’altronde avviene nelle grandi città turistiche di tutto il mondo; dall’altro permetterà una migliore gestione dei nostri beni sotto il profilo della fruizione, della manutenzione e controllo”. Lo dichiara l’assessore ai Beni culturali, Francesco Italia.

Per il sindaco, Giancarlo Garozzo “Il bando concretizza un altro dei nostri punti programmatici: la razionale gestione dei nostri beni monumentali, finalmente guardati non solo per la loro valenza culturale ma anche per la loro potenzialità economica ed occupazionale: è chiaro che la gestione privata apre grandi possibilità di lavoro e qualificazione professionale per decine di giovani in possesso di lauree e diplomi specialistici in materie culturali, linguistiche e turistiche”.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*