Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Serie D, il Noto s’è ripreso: battuta anche la BattipaglieseSiracusaLive | SRlive.it
Home / Primo Piano / Serie D, il Noto s’è ripreso: battuta anche la Battipagliese

Serie D, il Noto s’è ripreso: battuta anche la Battipagliese

NOTO- BATTIPAGLIESE 2-0
Noto: Ferla, Gona, Peluso, Caci, D’Angelo, Marino, Butera (  35′ s.t. Saani), Dosso, Rabbeni, Saluto ( 38′ s.t. Sako), Rizza ( 10′ s.t. Intelisano). All.Romano
In panchina: Paladino, Novello, Sako, Leoner, Rossitto, Lentini, Tumino.
Battipagliese: De Marino, Odierna, Garofalo, Maisto, Maraucci, Pastore ( 32′ Draghetti), Scuotto, Viscido ( Fiorillo dall’inizio della ripresa), Esposito, Di Matera, Minnucci ( 18′ s.t. Dell’Arciprete). All. Corino
In panchina: Viscido D., Mongiello, Aprile, Botta, Serretiello.
Arbitro: Marco Tedesco di Pisa, Assistente nr.1 Giuseppe Caico di Agrigento, Assistente nr.2 Mirko Cino di Enna.
Note: espulsi Di Matera al 14′ p.t., l’allenatore Corino al 31′ p.t., Esposito  ammonito al 21′ p.t. e al 34′ s.t.. Ammoniti: Viscido al 22′ p.t. (Battipagliese) Marino al 19′ s.t., Caci al 27′ s.t., Ferla al 37′ s.t., Rabbeni al 42′ s.t. (Noto)
Seconda vittoria di fila interna e terzo risultato utile consecutivo, al termine di una partita sbloccatta subito e meritata dal primo all’ultimo minuto, con un leggero e comprensibile calo nella ripresa, per il piglio e l’attenzione con cui gli uomini di Romano sono scesi in campo. Inizio che non ti aspetti; abbiamo appena il tempo di mettere in ordine gli appunti, fatto partire il cronometro e il Noto passa in vantaggio, proprio dal calcio d’inizio Butera riceve palla poco fuori l’area e fa partire una sventola che lascia secco De Marino e la Battipagliese tutta. Squadra campana che preso il gol si catapulta in attacco facendo correre qualche brivido lungo la schiena dei padroni di casa. I bianconeri riescono a perforare la retroguardia granata ma in due sono in posizione irregolare, dunque la bandierina dell’assistente numero uno si alza prima che la palla rotoli in rete. Passata la buriana la partita si riequilibra nel gioco e c’è una buona opportunità con il colpo di testa di D’Angelo sventato in angolo. Al 14′ poi ospiti in dieci per il brutto fallo di Di Matera ai danni di D’Angelo e qualche minuto dopo cartellini gialli quasi in sequenza per Esposito e Viscido. Al 24′ il Noto, alla ricerca del raddoppio, colpisce la traversa con un velenoso tiro di Dosso, e lo centra perfettamente, però alla mezz’ora, con Rabbeni che si invola sulla sinistra, affronta senza paura il portiere e lo supera in maniera stilisticamente perfetta. 2-0 Noto, proteste dalla panchina bianconera, giudicate troppo veementi dall’arbitro Tedesco di Pisa che manda negli spogliatoi mister Corino. I granata sono tutt’altro che sazi e con Saluto sfiorano la terza rete, questa volta gli si oppone il portiere De Marino, minuto 35. Fine primo tempo con il doppio vantaggio e la superiorità numerica, si può andare negli spogliatoi contenti. Spogliatoi da cui non torna in campo il numero 8 Viscido, al suo posto Fiorillo. Anche il tecnico granata fa il suo primo cambio al 10′, forzato, però, è capitan Rizza che lo chiede a causa di un dolore muscolare, al suo posto Intelisano, la fascia passa al difensore D’Angelo. Al 20′ ed al 22′ tiri di Rabbeni,da dentro area, e di Butera ma l’esito non è quello sperato. C’è un leggero calo fisico dei padroni di casa e la Battipagliese qualche spazio in più lo presidia, ed al 23′ Maraucci di testa colpisce in pieno il palo. Nuove emozioni alla mezz’ora quando Esposito entra in area e supera Ferla ma avendo viziato il controllo di palla con un braccio, l’assistente segnala, l’arbitro annulla e poi sventola il secondo cartellino giallo, Battipagliese in 9 uomini. E pure proprio allo scadere in due nella stessa azione chiamano all’intervento il sempre attento e provvidenziale Ferla. Quattro i minuti di recupero dove non accade nulla e al triplice fischio si possono alzare le braccia al cielo, missione compiuta.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*