Home / Se te lo fossi perso / Si insediano oggi il nuovo Capo Gabinetto della Questura di Siracusa e i dirigenti dei Commissariati di Priolo Gargallo, Avola e Pachino

Si insediano oggi il nuovo Capo Gabinetto della Questura di Siracusa e i dirigenti dei Commissariati di Priolo Gargallo, Avola e Pachino

Il Primo Dirigente della Polizia di Stato Ferdinando Buceti si è insediato come Capo di Gabinetto della Questura di Siracusa. Vanta una lunga carriera nella Polizia di Stato, avendo fornito a far data dal 1989, un importante contributo alla DIA di Palermo, di Caltanissetta e di Catania, intercalando una breve esperienza presso la Regione Siciliana, come Capo di gabinetto Vicario all’Assessorato Energia e Servizi di Pubblica Utilità. In quella occasione ebbe anche il compito di occuparsi di vicende siracusane nella qualità di Commissariato dell’Ato Idrico.

Infine, ha ricoperto l’incarico di Capo di gabinetto della Questura di Catania e, per ultimo, quello di Dirigente della Divisione Anticrimine, fornendo un forte impulso all’acquisizione dei patrimoni illecitamente acquisiti.

Il Commissario della Polizia di Stato Leo Sergio, di 30 anni, dopo aver frequentato il corso di formazione presso la Scuola Superiore di Polizia, è stato assegnato dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza alla direzione del Commissariato di P.S. di Priolo Gargallo.

Inoltre, il Commissario Capo della Polizia di Stato Venuto Mario, di 36 anni, dopo aver frequentato il corso di formazione presso la Scuola Superiore di Polizia, ha prestato servizio presso il Reparto Mobile di Reggio Calabria prima di essere chiamato a dirigere nella nostra provincia il Commissariato di P.S. di Avola.

Infine, il Commissario Capo della Polizia di Stato Naccarato Marco, di 29 anni,

dopo aver frequentato il corso di formazione presso la Scuola Superiore di Polizia, ha prestato servizio presso l’Ufficio Volanti di Genova prima di essere chiamato a dirigere nella nostra provincia il Commissariato di P.S. di Pachino.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*