Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Stefano non ci ha lasciato, vive dentro di noi

Stefano non ci ha lasciato, vive dentro di noi

Un altro nostro giovane amico non è più con noi. Vive, come qualche altro che lo ha preceduto, sempre dentro di noi. Sono cose troppo dure da accettare con il cuore. La mattinata trascorsa in classe insieme ai miei colleghi e ai ragazzi della 4A ci ha dato la dimensione del vuoto che Stefano lascia (il suo compagno di sempre, Mattia, ha voluto trascorre insieme a lui queste ultime ore, anche dopo che se n’era andato, Emanuele lo aveva fatto ieri, ma oggi è rimasto, solo, dentro il suo dolore. Il rito collettivo del lutto non ha lenito il nostro, di dolore, ma ci ha aiutato a parlare di Stefano e di scuola come se in alcuni istante fosse ancora con noi. Almeno così è stato per me che non sono più “ufficialmente” il suo prof. Stefano con il suo silenzio operoso, come quando era in classe, oggi mi ha accompagnato in questo incontro. Perché lui era così educato!!!, non molto loquace, ma presente, interessato, non molto coinvolto, ma attivo, capace di cogliere quelle cose che potevano cominciare a coinvolgerlo. Da ora, come appunto, un angelo, starà sempre con noi, non ci lascerà più e questo pensiero non è da poco. Ora sarà lui a pregare per noi, così hanno scritto i suoi compagni di classe nel messaggio che hanno letto con l’interfono a tutto l’Einaudi, muto e meditante. Così immaginiamo che una grande parte della città di Siracusa accoglierà la notizia della sua morte. Da tutti i tifosi di ogni settore del De Simone ai tanti altri gruppi che operano nel sociale e in rete.

Ora non possiamo non rivolgere i nostri pensieri a questo incrocio maledetto, sulla via Paolo Orsi, che continua, nostro malgrado, a farci scrivere necrologi, commemorazioni, corsi e ricorsi spiacevoli, atti che non vorremmo più compiere. Qualcuno, a cominciare dal Sindaco e dai suoi assessori e da chi in ogni modo ha responsabilità con la viabilità cittadina, cominci a mettere la testa e le mani su questo incrocio maledetto, a cominciare dall’eliminazione dell’ingresso sulla via principale di quella attività commerciale di materiali per l’edilizia che rappresenta un pericolo costante nell’arco della giornata. E’ possibile, e se non lo è lo si faccia diventare possibile, creare un’altra via di accesso a quella attività. Si apra dalle parti della stazione/cintura ferroviaria. Per quell’incrocio maledetto di via Paolo Orsi con via Luigi Agnello si venga a trovare una sistemazione stradale definitiva, una rotatoria, che limiti, intanto, la velocità e ci faccia uscire dall’incubo di una prossima possibile vittima.

Ancora un pensiero per Stefano. Noi ricorderemo tante facce e sfumature del modo di essere di Stefano, ma quella che esprime questa foto è quella che porteremo, più di tutte, nel nostro cuore e nella mostra memoria.

Salvatore Spallina

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*