Home / Appuntamenti / Canicattini rende omaggio al trombettista Conrad Gozzo

Canicattini rende omaggio al trombettista Conrad Gozzo

Nell’anno del cinquantesimo della morte, il Museo Civico Tempo (del Tessuto, dell’Emigrante e della Medicina Popolare) di via XX Settembre 132 – via De Pretis 18, e il Comune di Canicattini Bagni, lunedì 5 gennaio  alle ore 18, rendono omaggio ad uno dei più famosi musicisti americani di origine canicattinese, il trombettista Conrad Gozzo. “Storia di un emigrante – Conrad Gozzo, un musicista americano dal sangue canicattinese”, è il titolo della conferenza che il Comune e il Museo di Canicattini Bagni dedicano a questo straordinario artista, legato alla storia dell’emigrazione canicattinese e alla sua lunga tradizione musicale.

Figlio di un canicattinese emigrato negli USA, si distinse sin da giovanissimo per la sua bravura nel suonare magistralmente la tromba. Fu, non a caso, scelto da artisti del livello di Frank Sinatra e Benny Goodman come primo trombettista delle loro orchestre. Conrad Gozzo suonò spesso anche con la regina del blues, Ella Fitzgerlad. Nella sezione museale dedicata all’Emigrazione siracusana, e nella Biblioteca multimediale, si ricorda così questo  musicista, attraverso una pubblicazione frutto dello studio condotto dai ricercatori del Museo Civico Tempo con la collaborazione del Comitato scientifico della Rete dei Musei Siciliani dell’Emigrazione diretto dal professore Marcello Saija.

Una ricerca interamente dedicata ad un personaggio, paradossalmente quasi sconosciuto a Canicattini Bagni ma che, invece, nel  mondo della cultura musicale è divenuto un mito, segnando passaggi importanti nello stile e nell’uso della tromba.

Ad aprire i lavori sarà il sindaco di Canicattini Bagni, Paolo Amenta, seguiranno gli interventi di Marcello Saija, docente di Relazioni Internazionali all’Università di Palermo, “Il fenomeno migratorio”; Salvatore Petruzzelli, ricercatore del Museo tempo, “Emigrazione e Musica, da Canicattini a New Britain”; Bartolo Mozzicato, studioso di storia locale, “La formazione bandistica bella storia del Jazz”; Stjepko Gut, musicista e trombettista slavo di fama internazionale, conoscitore delle tecniche e dello stile di Conrad Gozzo; Rino Cirinnà, musicista e sassofonista jazz, “Conrad Gozzo, l’uomo e il musicista”.

Dopo la conferenza seguirà la presentazione del calendario “Frammenti di Sicilia” a cura di  “Kromatografica, Ispica”, con la collaborazione del Museo Civico tempo, dell’Associazione “Hybla Lab” e “Zymè” di Ispica. Un viaggio fotografico intrapreso lungo le strade e i paesi della Sicilia sudorientale narrato per l’occasione con “cunti, canti e facezie” da Peppino Castello, cantastorie di Monterosso Almo.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*