Home / Primo Piano / Eccellenza, il Città di Siracusa supera la Castelbuonese in extremis

Eccellenza, il Città di Siracusa supera la Castelbuonese in extremis

Siracusa: Pandolfo, Montella, Orlando (52’ Grasso), Zappalà (46’ Liistro), Orefice, Palermo, Mascara, Arena, Contino, D’Agosta, Petrullo (48’ Panatteri). A disposizione: Vitale, Santamaria, Scarano, Messina. All. Anastasi.

Castelbuonese: Ilardi, Maggio, Giglio, Megna, Sorrentino, Inguglia, Montesanto, Lipari, Totaro, Arnone (70’ Mercanti), Antista (59’ Speciale). A disposizione: Cicero, Schicchi, Balistreri, Aiello, Schillaci. All. Vitale

Arbitro: Figuccia di Marsala. Assistenti: Di Paola e Messina di Catania.

Reti: 8’ Totaro, 66’ D’Agosta, 90’ Contino (rig.).

Ancora una prova di carattere per il Città di Siracusa che ha avuto ragione della Castelbuonese soltanto nei minuti finali della partita e grazie ad un calcio di rigore trasformato dall’esperto attaccante azzurro, Contino. Che si trattasse di una partita difficile lo si sapeva fin dalla vigilia. E’ diventata ancora più in salita quando gli ospiti sono passati quasi subito in vantaggio, complice una disattenzione del portiere Pandolfo su conclusione di Todaro. Da quel momento per Mascara (oggi rientrante in squadra dal primo minuto) e compagni è stata una partita decisamente in salita. Squadra contratta e con più d’un problema da risolvere per superare la difesa ospite,ordinata e compatta.

Primo tempo da dimenticare per la squadra di Anastasi. Nella ripresa,il Siracusa ha cambiato volto.In campo Grasso, che ha rinvigorito il centrocampo e ha dato brio alle offensive dei padroni di casa. E così, il Città di Siracusa è pervenuto al pareggio grazie a un’incursione offensiva di D’Agosta a venti minuti dalla fine. Gli ultimi minuti sono stati davvero arrembanti per il Siracusa, che ha tentato la via della rete in diverse circostanze,reclamando in più occasioni il penalty. Che è arrivato a due minuti dalla fine del tempo regolamentare, a seguito di un’altra incursione in area del solito Grasso. Sul dischetto si è presentato Contino,dopo che Mascara non se l’è sentita di calciare, memore del clamoroso errore contro il Viagrande. Contino ha trasformato con un tiro preciso all’angolino. Con questa vittoria sudata oltre ogni previsione, il Città di Siracusa si avvicina alla vetta della classifica dove con 21 punti guida il Città di Vittoria,reduce dall’affermazione di ieri contro il San Pio X, ma una partita in più. Al secondo posto la coppia Città di Scordia (vittorioso oggi contro il Taormina) e Milazzo (che ha riposato) con 20 punti. Segue il Città di Siracusa con 18 punti in classifica.

ANASTASI: “LAMIA SQUADRA NON MOLLA MAI”. “Voglio dare un bel 10 e mezzo alla squadra per il carattere dimostrato. Che attributi! Conquistati tre punti in un modo incredibile, non abbiamo mai mollato”. Queste le prime parole di mister Anastasi. Sulla partita sofferta. “Voglio puntualizzare una cosa: è vero siamo il Siracusa, ma non siamo una squadra ammazza-campionato. Noi vogliamo vincere il campionato perché siamo a Siracusa ma non perché la squadra o l’allenatore è un vincente ecc. Siamo tutti ragazzi umili e grandissimi lavoratori. Ci siamo allenati nonostante l’alluvione e l’allerta meteo. Forse siamo l’unico caso in Italia. Su questo nessuno potrà mai dire nulla. Se poi i risultati non dovessero arrivare, mi assumerò tutte le responsabilità del caso”. Sul ritorno di Mascara dal primo minuto. “Peppe in campo ci da una grande sicurezza”.

 

 

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*