Home / Se te lo fossi perso / Cronaca / Inchiesta consorzio Megara Ibleo: coinvolto il sindaco di Priolo
SONY DSC

Inchiesta consorzio Megara Ibleo: coinvolto il sindaco di Priolo

IL sindaco di Priolo, Antonello Rizza è stato raggiunto da un avviso di conclusione indagini nell’ambito di una vicenda relativa alla gestione del consorzio universitario Megara Ibleo.

Gli ufficiali di polizia giudiziaria del commissariato di pubblica sicurezza di Priolo Gargallo hanno proceduto, unitamente a personale della squadra mobile e della Digos della Questura di Siracusa, alla notifica di 19 Avvisi di Conclusione Indagini Preliminari, emessi dalla Procura della Repubblica di Siracusa, nei confronti di esponenti politici e dirigenti amministrativi del Comune di Piolo Gargallo. In particolare tali provvedimenti riguardano oltre che il primo cittadino di Priolo Gargallo, riguarda  il presidente del consiglio comunale in carica, Beniamino Scarinci, un ex assessore alle Politiche Sociali, 5 dirigenti del Comune, 3 imprenditori, 1 consulente nominato dal Comune, un ex segretario Comunale e altri soggetti. Tali provvedimenti scaturiscono da una complessa ed articolata attività investigativa, iniziata nel mese di settembre 2012 dal Commissariato di Priolo Gargallo e coordinata dalla Procura della Repubblica di Siracusa, che traeva origine da una concussione commessa ai danni di un Funzionario del Consorzio Universitario Megara Ibleo. L’indagine ha svelato plurimi fatti concussivi, illeciti di altro genere nella gestione degli appalti, nonché un complesso sistema di scambio tra elargizioni di contributi sociali e promesse di assunzioni da un lato e richiesta del voto dall’altro, tanto da aver portato alla configurazione di una organizzazione a delinquere complessa ed efficiente, finalizzata a consentire la sistematica commissione di condotte delittuose quali il voto di scambio ed l’abuso d’ufficio. Infatti, a carico degli indagati, sono emersi elementi in ordine ai reati di concussione, voto elettorale di scambio (art. 96 T.U. Legge Elettorale) e concussione elettorale, abuso d’ufficio, falso ideologico e materiale, truffa aggravata e violenza privata. In particolare, sono stati evidenziati, nel corso dell’indagine, l’elargizione di cospicui sussidi a favore di soggetti e relative famiglie, non aventi i requisiti prescritti, per ottenere dagli stessi dei voti nelle elezioni dell’ottobre 2012 (Regionali) e nelle consultazioni amministrative del giugno 2013, prevendendo lo storno di ingenti somme da destinare a tali scopi. Gli inquirenti del Commissariato hanno accertato che gli indagati avevano distratto fondi pubblici, compreso il fondo di riserva, destinando circa un milione e 800 mila euro a sussidi straordinari “una tantum” in cambio di voti elettorali. I riscontri investigativi hanno messo in luce anche la commissione del reato di truffa aggravata in occasione del Carnevale 2013, quando i vertici politici del Comune di Priolo, inducendo in errore la Giunta municipale, procuravano agli organizzatori un ingiusto profitto a mezzo fatture gonfiate, per un ammontare di circa 20 mila euro. Le indagini hanno coinvolto anche alcuni imprenditori ed un consulente del Comune, concorrenti nei reati predetti. Si tratta della riformulazione, imposta dalla riunione di quattro diversi procedimenti, di imputazioni per i quali già in precedenza era stato emesso analogo avviso di conclusione indagini.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube