Home / Cultura / Noto, il Corteo Barocco di Noto “in rete” con gli altri cortei storici di Sicilia 

Noto, il Corteo Barocco di Noto “in rete” con gli altri cortei storici di Sicilia 

Si è svolto a Cammarata il primo incontro ufficiale a cui ne seguirà, a fine gennaio a Castelbuono, con i Cortei Storici siciliani che hanno intenzione di intraprendere un percorso comune. A breve infatti nascerà un nuovo ente giuridico che rappresenti tutte queste associazioni “e che possa – hanno sottolineato Angelo Vella, Peppe Montalto e Corrado Papa presenti al primo summit per il Corteo Barocco di Noto – fare presente tutte le criticità legate ad organizzazioni di eventi e altro, con una interlocuzione più diretta alla Regione siciliana. L’obiettivo è infatti quello di rafforzare un progetto che per tutte le associazioni possa permettere di calendarizzare gli eventi; migliorare e garantire  l’accoglienza; venire incontro alle difficoltà economiche, sempre più presenti tra le nostre associazioni, vista la mancanza di supporti economici da parte degli Enti Locali; curare con maggiore attenzione la qualità degli abiti ed il materiale utilizzato; valorizzare e custodire garantendo il patrimonio storico-culturale della nostra Regione; fissare incontri istituzionali con esponenti del Governo, Regione, Comuni, Gal”.
Il tutto potrà rendersi operativo non appena verrà stilato un documento ufficiale con statuto e relativa registrazione per quello che a Castelbuono il 28 gennaio sarà il I Congresso regionale. A Cammarata è già stato predisposto un direttivo provvisorio di cui fa parte anche Angelo Vella, di Noto, ma a Castelbuono saranno presenti tutti i Presidenti delle Associazioni dei Gruppi Storici di Sicilia. “Proprio in occasione del Gran Palio dei Tre Valli, che si tiene ogni anno nella nostra città- ha dichiarato il Presidente del Corteo Barocco, Corrado Di Lorenzo– il gruppo Belle Epoque di Palermo ha lanciato questa idea, a cui come Gruppo abbiamo subito aderito. E’ un’iniziativa molto importante considerato che in tutta l’Isola esistono circa 50 gruppi storici. Dicembre è un mese importante anche perché venerdì prossimo, 15 dicembre, nella consueta serata dello scambio di auguri inaugureremo la nuova sede, sita nei Bassi di Palazzo Trigona di Cannicarao”.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*