Home / Se te lo fossi perso / Politica / Nuovo ospedale, Vinciullo: “E’ nel secondo elenco, quello degli esclusi”

Nuovo ospedale, Vinciullo: “E’ nel secondo elenco, quello degli esclusi”

“Confermo che il finanziamento per la costruzione del nuovo ospedale di Siracusa si è perso, ripeto che l’Assessore regionale non ha alcuna responsabilità, riconfermo che la responsabilità della perdita del finanziamento è solo ed esclusivamente dell’Amministrazione Comunale di Siracusa e che l’ASP, in questa vicenda, non ha alcuna responsabilità, perché il 27 ottobre 2011 ha depositato un progetto e una richiesta a cui il Comune di Siracusa non ha mani dato risposta”. Rilancia la questione ospedale il presidente della commissione Bilancio all’Ars, Enzo Vinciullo, il quale adesso replica al sindaco. “Durante la venuta della Commissione Sanità a Siracusa – dice Vinciullo – ebbi ad avvisare tutti sui rischi che si correvano e che, di conseguenza, anche il Consiglio Comunale della città non può far finta di non sapere quello a cui andavamo incontro. Quanto all’esistenza di un secondo elenco, credo che avrebbero fatto meglio a non citarlo. Il secondo elenco, che contiene 24 progetti, è l’elenco degli esclusi, cioè dei progetti che non sono stati finanziati, cioè di quelli che sono stati bocciati”.“L’unico dato certo – continua Vinciullo – che abbiamo è che lo Stato ha messo a disposizione della Sicilia una somma per tutte le opere cantierabili e i cui lavori possano iniziare da subito. Oltre quella somma, al momento, non c’è un centesimo”.Di conseguenza, quando di qui a qualche settimana o mese si firmerà l’Accordo di Programma Quadro, non è previsto né l’ospedale di Siracusa né i rimanenti 23, che non sono stati meritevoli d’attenzione da parte degli uffici, in quanto, nel caso nostro, ancora non abbiamo nemmeno l’area indicata, nonostante nel Piano Regolatore della città di Siracusa vi sia un’area che dagli anni ’80 è indicata come l’area dove costruire il nuovo ospedale.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*