Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Promozione, il Belvedere a Palazzolo con l’ex Lo PizzoSiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Sport / Promozione, il Belvedere a Palazzolo con l’ex Lo Pizzo

Promozione, il Belvedere a Palazzolo con l’ex Lo Pizzo

Non ci sarà Failla, per problemi fisici, ma l’ultimo arrivato sì. Luca Lo Pizzo, centrocampista classe ’94 arriva dal Floridia e dopo essere stato svincolato si è subito messo a disposizione del tecnico Forcellini. “Lo seguivo da questa estate – ha detto il tecnico del Belvedere – e sono felice che si sia unito a noi. Ci potrà dare una grossa mano”. Già domani pomeriggio contro il Palazzolo, ex squadra di Lo Pizzo così come Siracusa e Rosolini. Un giocatore duttile, sia in mezzo al campo che sulle corsie esterne che anche da attaccante esterno.

“Sarà una partita difficile quella di domani contro il Palazzolo – ha detto Forcellini – noi andremo per giocarcela perché siamo convinti dei nostri mezzi ma abbiamo grande rispetto per il nostro avversario. Arrivano da una serie utile, hanno due partite in meno che se vinte, potrebbero portare il Palazzolo al terzo posto in classifica. Io penso che siano attrezzati per disputare i play off, ma noi non partiremo certo battuti. Sono le partite che piacciono a me, contro avversari stimolanti che giocano ma ti lasciano giocare. La squadra ha lavorato bene tutta la settimana, soprattutto da un punto di vista mentale che è la cosa che più conta a questo punto del campionato, più che l’aspetto fisico”.

E di atteggiamento mentale, il tecnico Forcellini, ha parlato anche riferendosi ad alcuni giocatori juniores che – per forza di cose – non sono stati convocati in quanto rosa ampia a disposizione. “Dispiace sempre lasciare qualche giovane a casa – ha detto – specie coloro che oramai sono integrati in prima squadra. Ma a loro ho detto che prima di tutto devono allenarsi e scendere in campo con la voglia di fare bene nel campionato juniores, che è quello di appartenenza, l’approdo in prima squadra deve essere un qualcosa in più che non li deve mai far sentire arrivati, ma uno stimolo a voler fare sempre meglio”.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube