Google+
La protesta degli amministrativi davanti al vermexio.

Raccolta rifiuti, la protesta degli amministrativi

Hanno presidiato piazza Duomo davanti al palazzo Vermexio i 46 dipendenti amministrativi dell’Igm, che corrono il rischio di non vedersi confermato il contratto di lavoro con la Tekra, l’impresa che si è aggiudicata il mini appalto per la raccolta differenziata dei rifiuti nel capoluogo. Come testimoniano le immagini, i dipendenti dell’Igm hanno deciso di mettere in moto una manifestazione di protesta che è stata rivolta in primo luogo nei confronti dell’amministrazione comunale. Sindaco Italia e assessore Coppa, però, hanno alzato le braccia sostenendo che, di fronte a una trattativa che riguarda principalmente soggetti privati, l’ente pubblico non può che attendere l’esito dell’incontro avvenuto questa mattina all’ufficio provinciale del lavoro.

In quella sede la Tekra ha dato la disponibilità a sottoscrivere il passaggio diretto e immediato di tutto il personale in forza all’Igm per la categoria operaia. Invece, per la restante parte del personale impiegatizio, ha formalizzato un’offerta con l’inquadramento degli amministrativi alla qualifica di operai. Ciò significherebbe alleggerire la busta paga dei 46 amministrativi di almeno 500 euro.

Le organizzazioni sindacali hanno rigettato la proposta della società subentrante di assumere parte del personale in contraddizione con quanto previsto nel bando di gara. Tekra, infatti, partecipando alla gara ha implicitamente accettato tutto il personale previsto. Il sindacato non ha nemmeno accettato la proposta di Tekra relativa al demansionamento del personale che svolge attività amministrativa. Il verbale è stato trasmesso al prefetto di Siracusa e al sindaco Italia per l’adozione di provvedimenti di competenza ferma restando la possibilità di un ulteriore incontro tra le parti.

Per quanto riguarda le cooperative esperte nel lavoro di igiene ambientale, la proposta fatta dal sindacato è quella di formare una graduatoria tra lavoratori delle stesse coop per consentire loro l’ingresso nell’organico.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*