Home / Se te lo fossi perso / Politica / Zappulla: “Indagini a tutto campo ma la politica è immobile”
Simona Princiotta e Pippo Zappulla.

Zappulla: “Indagini a tutto campo ma la politica è immobile”

“I provvedimenti assunti dalla magistratura in queste settimane, indagini e avvisi di conclusione, stanno a dimostrare in modo inequivocabile che le riserve, le preoccupazioni e le denunzie politiche realizzate da più parti e da noi in particolare in questi anni non erano pretestuose né strumentali ma concrete e fondate. Se la magistratura ha ritenuto di intervenire è del tutto evidente che ha avuto modo di riscontrare elementi veri e concreti”. Lo afferma il parlamentare nazionale del Pd, Pippo Zappulla, il quale ha tenuto ieri mattina una conferenza stampa insieme con la consigliera comunale, Simona Princiotta, al centro dei diversi casi scoppiati al Comune di Siracusa.

“Il non sostituirsi al ruolo degli inquirenti non assolve la politica e la classe dirigente – continua Zappulla – L’asticella della legalità e della trasparenza va tenuta, infatti, altissima senza alcun accomodamento né cedimento. In questi anni, invece, ogni qual volta è stato posto un rilievo critico su ipotesi di anomalie negli appalti, sulla gestione di servizi o incompatibilità e così via, abbiamo riscontrato singolari silenzi o, peggio, fastidi e polemiche inutili e speciose. Fino ai tentativi gravissimi di applicare la vecchia e odiosa arma della denigrazione e della attivazione della  macchina del fango. Ritorniamo ad affermare che, fermo restando l’autonomia della magistratura nelle indagini e nell’assumere tutti i provvedimenti che si ritengono doverosi, questo di norma avviene perché su vicende simili c’è il vuoto e l’immobilismo della politica”.

LA QUESTIONE MORALE IMPONE AL PRESIDENTE SULLO DI DIMETTERSI”. “Sulla conclusione delle indagini, in particolare, comunicata al Presidente del consiglio comunale un conto è rispettare le decisioni che saranno assunte dagli inquirenti altro è non rendersi conto che con quelle ipotesi di reato estremamente gravi non può restare al suo posto – dicono Zappulla e la Princiotta – Ci sono i valori dell’etica e della morale che impongono le dimissioni di Sullo da presidente del consiglio comunale. Così come riteniamo che il dott. Pisana, fino alle conclusioni della vicenda, dovrebbe essere destinato ad altri incarichi e al Sindaco rinviamo la decisione.  La politica e le istituzioni hanno il dovere di intervenire senza timori, senza girarsi dall’altra parte, senza diplomazia, assumendosi la responsabilità degli atti e indirizzi. Lo diciamo con la franchezza che occorre: nessuno può liquidare il giudizio  affermando che si tratta di vicende antiche, legate a precedenti amministrazioni. E’ chiaro che alcune questioni affondano le radici negli anni e in responsabilità precise della destra siracusana. Ma come non fare a capire che riguardano anche il tempo dell’attuale legislatura e rischia di coinvolgere trasversalmente diversi soggetti?

“SE IL PRESIDENTE SULLO SARA’ RINVIATO A GIUDIZIO, IL COMUNE DEVE ESSERE PARE CIVILE”. “Qualora l’attuale Presidente venisse rinviato a giudizio, con quelle accuse, crediamo, inoltre,  che il Comune di Siracusa debba costituirsi parte civile perché quei reati li avrebbe commessi nel ruolo apicale di massimo esponente del consiglio, ledendo pesantemente l’immagine dell’assise, dei consiglieri e della stessa Amministrazione – dicono i due politici del Pd – Ci aspettiamo, infine, che queste vicende sveglino le coscienza dei dormienti, di quanti pensano che si tratta di questioni personali. Perché in ogni partito e schieramento, di maggioranza e di opposizione, si alzi l’indignazione contro ogni atto violento e illegale, perché torni il libero confronto delle idee, anche aspro e duro ma nel rispetto delle opinioni di tutti nell’interesse generale della città e della comunità”.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*