Home / L'Opinione /  Pensiero d’amore per la Patria e la politica

 Pensiero d’amore per la Patria e la politica

L’opinione – di Paolo D’Orio –

Si sono tenute il 25 settembre 2022 le elezioni per il rinnovo della Camera dei Deputati e del Senato e con la modifica nel 2020 degli articoli 56 e 57 della nostra Costituzione vengono eletti 400 deputati e 200 senatori contro i rispettivi precedenti 630 e 315. Io ricordo chi non aumentava le tasse ed anzi riuscì abbassare la pressione fiscale del 40% e ho votato Silvio Berlusconi. Ha vinto il Centrodestra e Forza Italia Berlusconi Presidente sarà determinante per la formazione del prossimo esecutivo, a guida Fratelli d’Italia di Meloni che ha ottenuto le maggiori preferenze. Giorgia Meloni, nata il 15 gennaio 1977 a Roma, potrebbe essere il primo capo del governo donna.

Fusse che fusse la vorta bbona (come diceva il grande Nino Manfredi) di credere in Dio e vantarsi d’essere cristiani e cattolici, perché la legge della sharia non la riconosciamo né vogliamo; di amare gridando con orgoglio italiano Patria perché oggi come sempre “la Patria è il pensiero d’amore, il senso di comunione che stringe in uno tutti i figli” come insegna Giuseppe Mazzini; di conoscere e conservare la Famiglia mai prescindendo il naturale binomio Donna – Uomo ovvero Madre – Padre, ché Genitore 1 e Genitore 2 a noi fa impressione. Il Partito Democratico sfiora il minimo storico e finalmente torna minoranza parlamentare dopo anni di malgoverno.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*