Home / Se te lo fossi perso / Ambiente (pagina 80)

Ambiente

Incendi Petrolchimico siracusano: vicini al disastro e dal possibile effetto domino

  Un’emergenza sottovaluta. Stabilimenti e capannoni sotto il fuoco, il depuratore dell’Ias e diverse raffinerie in crisi. La centrale elettrica “Archimede” di Marina di Melilli in tilt. Il fuoco stavolta è arrivato vicinissimo agli impianti, ai parchi dei serbatoi di gas e idrocarburi. Quando è successo nel Petrolchimico siracusano, si è rivelato piuttosto grave; a forza di criticare chi denuncia la ...

Continua »

Il Libero consorzio blocca il ponte il traffico sull’Anapo

Gli uffici del Libero Consorzio Comunale, ottemperando alle disposizioni dell’Autorità giudiziaria, con immediatezza hanno delimitato tutta l’area attorno al ponte sull’Anapo, attraverso il posizionamento di strutture utili a impedire il transito veicolare e pedonale.

Continua »

Petrolchimico. Inquinamento, superperizia, indagini in corso, raffigurazioni e provocazioni

Il consulente della Procura di Siracusa per le tematiche ambientali del Polo petrolchimico siracusano, Professor Luigi Bianchi, responsabile dell’Unità Epidemiologica dell’Ambiente del Cnr di Pisa, ritorna ancora una volta prepotentemente sul problema del pericolo effettivo e collettivo. Dice a chiare lettere che il grave problema non può essere sottaciuto. Ma Bianchi va oltre. Infatti, ha scritto al nuovo procuratore della ...

Continua »

Polo industriale Siracusano, benvenuti nell’inferno sulla terra: discariche a iosa e “fuoco amico”, puzza nauseabonda tra silenzi e dolore

  Per quale motivo non si riesce a segnare una svolta decisa alla lotta contro l’eco reati? La sintesi conferma l’inadeguatezza di leggi e la mancanza di controllo. Tutto si svolge come un paradigma, in un’epoca che nega la verità incontrovertibile, si scopre attraverso i Social, la presenza massiccia di tanti difensori di chi avvelena l’ambiente sapendo di inquinare. Per un ...

Continua »

Augusta, Melilli, Priolo e la Valle delle discariche: nuova Terra dei fuochi con le case dei residenti in pericolo d’incendio

Sabato 6 luglio è stata una giornata infernale, da dimenticare. L’aria a tratti era irrespirabile. Le fiamme hanno bruciato ogni cosa. Le case dei residenti in forte pericolo hanno rischiato di essere distrutte. I cittadini che abitano nella contrada Santa Catrina e dintorni disperati si sono sbracciati ed hanno partecipato a spegnere le fiamme; ogni cosa è stata distrutta, tutto ...

Continua »
RSS
Follow by Email
YouTube